Tablet e E-Commerce: iPad e affini cambiano il futuro dello shopping online

Tablet PC: dalla fantasia alla realtà

Lunedì prossimo (l’1 agosto 2011, alla data in cui scriviamo) è prevista l’uscita di un report di Forrester Research intitolato “Why Tablet Commerce May Trump Mobile Commerce” . Il crescente (e travolgente) successo di pubblico dei tablet (Apple iPad in primis) sta letteralmente cambiando tempi e modalità di accesso a internet per molte persone, creando nuove abitudini non solo in mobilità, ma soprattutto in ambito domestico e sempre più anche in azienda. Ne scriviamo sulla base di un’esperienza concreta, un catalogo ottimizzato per iPad e altri tablet che abbiamo sviluppato per una nota rete di riparatori auto multimarca, Eurorepar.

Con prezzi sempre più accessibili e funzionalità sempre più ricche, i tablet si stanno rapidamente affermando come uno degli strumenti informatici più richiesti dal grande pubblico, sia per uso privato che d’impresa.

E’ un cambiamento davvero rapido, trainato dal successo dei prodotti di casa Apple e a cui aggiungerà notevole propellente l’arrivo di Windows 8 e la crescita quantitativa e qualitativa di Android.

Sono già numerose le ricerche che segnalano dei cambi di abitudine per chi usa il tablet: ad esempio, una ricerca segnala come si preferisca sempre di più la sera (come tempo) e il divano (come luogo) per fruire con il tablet delle risorse online contrassegnate come interessanti durante il giorno.

Altro trend interessante è la contemporanea fruizione di contenuti online tramite i tablet mentre la televisione è accesa (magari per trasmettere un programma in streaming).

In effetti, i tablet consentono un’esperienza d’uso molto “casual” e piacevole:

  • sono subito e sempre pronti all’uso (uno o due secondi e si è online)
  • lo schermo è di dimensioni adeguate per una buona fruizione di contenuti di vario genere, anche da parte di più persone contemporaneamente (contrariamente agli smartphone che risultano ancora un po’ troppo “piccoli” per certi usi)
  • l’ interfaccia touch rispetto a mouse e tastiera offre un’interazione più “naturale” e di facile apprendimento.

Anche in ambito aziendale, questo strumento trova molteplici occasioni d’impiego: dalle corsie d’ospedale, alle cabine di pilotaggio degli aerei di linea, i limiti d’uso sono davvero pochi.

Tra gli ambiti di cui abbiamo avuto esperienza diretta c’e’ quello della fruizione di cataloghi da parte di reti di vendita: il caso concreto è quello di Eurorepar , un’importante rete europea di riparatori auto multimarca, già nostro cliente per la sua presenza internet e per diversi strumenti ERP. In occasione della fiera Autopromotec 2011, che si è tenuta a Bologna dal 25 al 29 maggio, è stato presentata alla rete una “web application” ottimizzata per iPad, ideata per consentire a distributori e rivenditori una rapidissima fruizione del catalogo ricambi al fine di selezionare quelli da ordinare.

Come Axura abbiamo sviluppato questa applicazione tenendo conto delle peculiarità dell’interfaccia touch e il risultato è stato particolarmente soddisfacente, come ci ha raccontato lo stesso Alessandro Villa, responsabile marketing di Eurorepar:

“La nostra rete vendita ha trovato estremamente facile e pratico questo strumento di lavoro e l’interfaccia è stata subito chiara per tutti: poter selezionare in pochi ‘tocchi’ quello che interessa è molto naturale e al di là della ‘novità’ guardiamo con molto interesse e notevoli aspettative questo tipo di interfacce e strumenti”.

La scelta di sviluppare una web application (e non un’applicazione nativa) per questo tipo di esigenza o esigenze simili comporta notevoli vantaggi:

  • non è richiesto un processo di approvazione da parte di un gestore di un “app store”, che può comportare tempi incerti sia sulla disponibilità dell’applicazione che di suoi eventuali aggiornamenti e correzione di bug
  • l’applicazione è immediatamente fruibile su tablet diversi, con i più disparati sistemi operativi (da iOS ad Android, da WebOS a Windows)
  • i contenuti sono indicizzabili dai motori di ricerca
  • non si è soggetti a “commissioni” (che arrivano fino al 30%) a favore di gestori di “app store” nel caso in cui si vogliano rendere disponibili i propri contenuti a pagamento
  • le competenze richieste per lo sviluppo di web application sono affini a quelle richieste per lo sviluppo di siti web tradizionali e si può razionalizzare e ottimizzare l’investimento nelle attività di sviluppo.

Il report di Forrester Research segnala come molti operatori di e-commerce non abbiano ancora adeguatamente colto questa opportunità e come gli investimenti in questa direzione siano ancora irrisori, seppur chi ha già scelto questa strada beneficia di un certo vantaggio competitivo.

Inoltre, viene indicato come particolarmente interessante l’impiego di tablet nell’integrazione di esperienze d’acquisto online / offline, ad esempio attraverso la disponibilità di tablet nei punti vendita, sia per gli addetti alle vendite (che possono mostrare facilmente contenuti aggiuntivi ai potenziali clienti) sia per i clienti stessi: numerosi in questa direzione sono gli esempi di ristoranti e wine bar che hanno integrato con successo liste dei vini tramite tablet migliorando l’esperienza d’acquisto dei clienti (e alzando lo scontrino medio).

Tablet, smartphone, pagamenti NFC sono solo alcuni dei cambiamenti a cui stiamo assistendo e a cui assisteremo sempre più spesso: già si parla di VUI (Vocal User Interfaces) e Negozi Virtuali, da frequentare con i nostri Avatar (di questi giorni il rilascio di Avatar Kinect, un’esperienza da provare per intuire cosa ci aspetta da qui a qualche anno).

A proposito di Kinect e integrazione non solo online / offline ma anche reale / virtuale, chiudiamo con un video molto interessante:

httpv://www.youtube.com/watch?v=LQUpCbC7jAw

  • Marco Piva

    Ciao Alberto,
    interessante il tuo articolo, ho già anticipato a un mio cliente queste opportunità.
    Spero di sentirti presto.
    Marco

    • Anonimo

      Grazie Marco,
       le applicazioni sono molte e molto interessanti, vale la pena scoprire di più! 

      Un saluto!